Una polizza “apripista” per l’autotrasportatore: la r.c. professionale

20091222 - BOLOGNA - WEA - MALTEMPO: ANCORA CHIUSE AUTOSTRADE IN EMILIA-ROMAGNA. L'autostrada A1 nei pressi di Modena Nord stamani 22 dicembre 2009.E' caos trasporti in Emilia-Romagna, colpita da un'eccezionale ondata di gelo che ha ghiacciato la maggior parte di strade e autostrade della regione, causando una miriade di incidenti e mettendo a durissima prova uomini e mezzi dei soccorsi.  ANSA / BARACCHI-BENVENUTI / DBA

Ogni anno, i padroncini devono dimostrare la loro capacità finanziaria. E, se non lo fanno, vengono
cancellati dall’albo. Ma ottenere una fidejussione di garanzia non è per nulla semplice. A meno che…
Sono 100.000 le imprese di autotrasporto per conto terzi che ogni anno devono dimostrare la loro capacità finanziaria, pena la cancellazione dall’albo.
cancellati dall’albo. Così la capacità finanziaria: un requisito di solidità aziendale per cui l’autotrasportatore deve provare di avere capitale e riserve per un valore di almeno di 9 mila euro se dispone di un solo veicolo e di 5 mila per ogni automezzo aggiuntivo (restano
esclusi, comunque, gli automezzi fino a 1,5 tonnellate di massa complessiva, rimorchi e i semirimorchi).
Lo strumento principale, specificato da leggi e regolamenti, per dimostrare l’idoneità finanziaria, è la certificazione dei conti annuali dell’impresa, rilasciata da un revisore dei conti. O, in alternativa, una fidejussione bancaria o assicurativa, e quando si parla di fidejussioni nascono i problemi. Come si fa in un momento di crisi economica dove le banche fanno di tutto per “farti chiudere” a chiedere loro una garanzia fideiussoria, con quali speranze? Le Compagnie assicurative seguono l’onda delle banche ovviamente, essendo tenute alla valutazione del cliente secondo gli stessi criteri delle banche.

E allora?

Nel 2012 il ministero dei Trasporti,viste le difficoltà di ottenere le garanzie, aveva deciso che poteva bastare una polizza di responsabilità del vettore stradale, ma si è trattato di una soluzione transitoria che adesso non è più valida perché ritenuta inadeguata, ed ha stabilito che l’unica polizza valida è quella di responsabilità civile professionale, accettata dalle singole province per l’iscrizione delle imprese nell’albo degli autotrasporti conto terzi.

Il regolamento comunitario(n. 1071/2009) che è stato recepito dalla nostra legge, all’articolo 7 infatti afferma che i trasportatori su strada devono essere in grado di ottemperare agli obblighi finanziari “mediante un’attestazione, quale una garanzia bancaria o un’assicurazione, inclusa l’assicurazione di responsabilità professionale, di una o più banche o di altri organismi finanziari, comprese le compagnie di assicurazione, che si dichiarano fideiussori in solido dell’impresa per gli importi”.

I vantaggi di una polizza di r.c. professionale  sono molteplici perché garantisce dalle richieste di risarcimento provocate da atti illeciti commessi durante lo svolgimento delle attività professionali. La Compagnia si impegna a pagare i danni e anche le spese per eventuali procedimenti. Sono coperti anche i costi e le spese sostenuti per il rimborso di un provvedimento giudiziale o per l’attività di difesa dell’assicurato, ma naturalmente c’è da fare attenzione agli scoperti ed alle franchigie, che in una polizza non possono quasi mai mancare.

Articoli blog

Condividi sui social

Facebook
Twitter
LinkedIn
Telegram